Sanità

⭐️ 1. Stop privatizzazione ed esternalizzazione dei servizi sanitari.

⭐️ 2. Potenziamento dei Pronto Soccorso e piano straordinario di abbattimento reale delle liste di attesa.

⭐️ 3. Incremento dei posti letto negli ospedali attraverso la riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale, tenendo conto del calcolo della immigrazione sanitaria nazionale.

⭐️ 4. Piano regionale per la tutela del personale infermieristico garantendo sicurezza, adeguate risorse e riposi.

⭐️ 5. Lotta alle dipendenze: tutela e implementazione della legge regionale anti-azzardo che grazie al Movimento 5 Stelle prevede distanze minime di 500 metri dei locali slot-vlt-scommesse da scuole, luoghi di culto, centri giovanili ecc.

⭐️ 6. Istituzione del piano regionale per le malattie croniche.

⭐️ 7. Piano straordinario rimozione barriere architettoniche e tutela persone disabili con attivazione progetti di vita indipendenti. Creazione di un fondo regionale per istituire in ogni provincia un “Garante dei Disabili”, esperto che aiuterà le persone con disabilità a esercitare i loro diritti.

⭐️ 8. Punti nascita: riapertura di quelli chiusi in montagna dal 2014 in poi (Porretta Terme, Pavullo, Castelnovo né Monti, Borgotaro) e salvaguardia di quelli esistenti. Potenziamento della sanità nelle zone montane e svantaggiate, incentivando il personale rendendole più attrattive creando centri di alta specializzazione.

⭐️ 9. Ospedali amici dell’ambiente (no usa e getta, tetti fotovoltaici, piani riciclo, impianti trattamento a freddo rifiuti sanitari ecc).

⭐️ 10. Attivazione di nuovi Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) pubblici. Potenziamento della collaborazione tra strutture sanitarie e distretti biomedicali. Attivazione di un progetto per la creazione dei “poli di attrazione sanitaria” che costituisca ricadute positive per l’economia e la salute dei residenti

Piccole e medie imprese – Commercio

A Reggio Emilia, da una delle 631 realtà dell’Emilia-Romagna nate o aiutate dal microcredito finanziate dai tagli dei parlamentari e consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle, abbiamo presentato le nostre 10 priorità per le piccole e medie imprese e il commercio.

⭐️1.Piano regionale per la riconversione ecologica e tecnologica (per esempio piani plastic free, ecc) delle nostre imprese da attuarsi con finanziamenti regionali, statali ed europei (stop politiche d’austerità UE sugli investimenti ambientali e sociali).

⭐️2.Progetto “Orgoglio Emilia-Romagna” con la nascita di un protocollo con il Ministero degli Esteri (che ha la delega sul Commercio Estero) per aiutare la promozione nel Mondo del turismo, delle eccellenze industriali, dell’agricoltura sostenibile e dei prodotti tipici dell’Emilia-Romagna.

⭐️3.Piano anti-frodi industriali sui prodotti tipici emiliano-romagnoli (Parmigiano-Reggiano, Aceto Balsamico di Modena e Reggio, Prosciutto di Parma etc),

⭐️4.Reale attivazione dei distretti del cibo e incentivazione alla creazione di Biodistretti (accordo tra agricoltori, cittadini, amministrazioni, per la gestione sostenibile di tutte le risorse locali). Piano regionale per l’agricoltura sostenibile e rilancio canapa ad uso industriale.

⭐️5.Portare da 2 a 10 milioni di euro lo stanziamento per il fondo regionale per il micro-credito alle piccole e micro imprese; rimborso dell’Irap per 3 anni per start up innovative.

⭐️6.Piano regionale di attrazione verso le aziende in fase di trasferimento delle attività fuori dal Regno Unito a seguito della Brexit.

⭐️7.Piano regionale per il rilancio dei centri storici delle città e dei Comuni, in particolare di quelli oggetto di ricostruzione sismica.

⭐️8.Piano straordinario per le periferie con particolare riferimento alla cura e manutenzione dei quartieri, potenziamento della sicurezza, dei servizi pubblici di assistenza sociale ed economia di vicinato (negozi di quartiere).

⭐️9.Incentivazione dell’Agricoltura Sociale, in sinergia con i Servizi Sociali dei Comuni. Progetti di inserimento di persone segnalate dai servizi sociali e facilitazione per le microimprese di Agricoltura Sociale.

⭐️10.Incentivi/sgravi per le aziende (agricole e industriali) che si dotano di sistemi di raccolta dell’acqua piovana, sonde geotermiche, fitodepurazione dei reflui, impianti termici-solari per l’attività produttiva.

Ambiente

DIECI PROPOSTE PER L’ EMILIA-ROMAGNA PRIMA REGIONE ‘GREEN’ D’ITALIA

Beppe Grillo insieme a Simone Benini

Ecco dieci proposte per l’Emilia-Romagna in tema ambientale:

⭐️1. Aboliamo la pessima legge urbanistica regionale Donini per vararne una nuova che fermi veramente il consumo di suolo.

⭐️2. Mettiamo nel cestino il progetto autostrada Cispadana per realizzare una strada a scorrimento veloce senza pedaggi e rilanciamo la mobilità sostenibile in tutta l’Emilia-Romagna (elettrificazione e potenziamento del trasporto pubblico di linee regionali e locali sia su ferro che su gomma).

⭐️3. Varare un piano regionale Rifiuti Zero per programmare la chiusura di inceneritori e discariche favorendo: separazione raccolta-riciclo dallo smaltimento (modello Treviso adottato a Forlì’), piano riduzione-stop plastica inutile ed usa e getta, estensione della raccolta domiciliare con tariffa puntuale in tutti i Comuni, costruzione d’impianti di riciclo, compostaggio selezione e Trattamento Meccanico Biologico finalizzati al recupero di materia (Fabbriche Materiali).

⭐️4. Mettere a dimora 4.5 milioni di alberi, uno per ogni abitante.

⭐️5. ‘Piano regionale Emilia-Romagna libera dal petrolio in 15 anni per l’efficienza energetica e produzione da fonti rinnovabili.

⭐️6. Piano regionale incentivi auto elettriche e per la mobilita ciclabile in area urbana.

⭐️7. Piano regionale ‘Emilia-Romagna pulita’. Dalla Regione tra le più inquinate d’Europa a quella più verde e pulita con piano straordinario decennale d’investimenti per la transizione che coinvolga Regione-Stato ed Europa (stop austerità su investimenti ambientali siamo in emergenza climatica e sanitaria da inquinamento).

⭐️8. Piano regionale per l’agricoltura sostenibile ed i prodotti tipici e investimenti per il risparmio idrico in agricoltura.

⭐️9. Piano regionale di manutenzione del territorio contro il dissesto idrogeologico (le vere opere utili).

⭐️10. Legge regionale per l’acqua pubblica.