Ferrara. Benini (M5S): «Vicenda inquietante. Fabbri si dissoci o si dimetta. Questo è il modello che la Lega vuole esportare in Regione?»

FERRARA – “Quanto anticipato nel video di Piazzapulita è inquietante e gravissimo. Se le accuse dovessero essere confermate ci troveremmo di fronte a una situazione in cui la politica utilizza il Comune come un ufficio di collocamento per beghe e lotte interne di partito. Se confermato, Fabbri dovrebbe immediatamente dimettersi. È questo il famoso ‘modello Ferrara’ che la Lega vorrebbe portare anche in Regione?”. È il commento di Simone Benini, candidato del MoVimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Emilia-Romagna assieme agli altri candidati della lista M5S Donatella Pasqualini, Claudio Fochi, Gianluca Beccari, Barbara Virgili e al consigliere comunale Tommaso Mantovani riguardo all’anticipazione lanciata questo pomeriggio dalla trasmissione di LA7 Piazzapulita sul Comune di Ferrara amministrato dal sindaco leghista, ed ex capogruppo in Regione, Alan Fabbri.

“Per esprimere un giudizio complessivo sulla vicenda aspetteremo di guardare stasera il servizio completo ma già le immagini diffuse in anteprima delineano un quadro a dir poco inquietante, dove le vicende di partito si sovrappongono a quelle dell’amministrazione comunale” concludono gli esponenti del MoVimento 5 Stelle.

Benini (M5S): “Smog killer a Ferrara. Subito grande piano di investimenti per migliorare qualità dell’aria”

Blurred silhouettes of cars surrounded by steam from the exhaust pipes. Traffic jam

FERRARA – “Lo smog uccide e i dati citati oggi sulla stampa, accompagnati dal monito dello pneumologo Alfredo Potena, ci fanno ben comprendere che non si può attendere oltre, occorrono azioni decisive e in tempi brevissimi”: queste le parole di Simone Benini, candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Emilia Romagna, che interviene insieme ai candidati ferraresi, Donatella Pasqualini, Claudio Fochi, Gianluca Beccari e Barbara Virgili.

“In Italia muoiono 90mila persone l’anno per l’inquinamento e la nostra regione è una delle più compromesse, viviamo in una sorta di “camera a gas”. Inoltre, Ferrara ha anche numeri importanti per i tumori ai polmoni. Per migliorare la qualità dell’aria che respiriamo servono misure importanti, non semplici palliativi. L’obiettivo deve essere quello di avere degli investimenti certi su riconversione delle imprese più inquinanti e sviluppo della mobilità elettrica. Queste misure non possono essere più rimandate”.

“Vogliamo che i nostri territori tornino a essere luoghi salubri, green, sani. Rilanciamo la mobilità sostenibile, con l’elettrificazione e il potenziamento del trasporto pubblico di linee regionali e locali sia su ferro che su gomma. Metteremo a dimora 4 milioni e mezzo di alberi in regione, uno per ogni abitante e abbiamo un piano regionale di incentivi alle auto elettriche e per la mobilità ciclabile in area urbana”.

“Inoltre, abbiamo in mente un piano d’investimenti per l’eco-riconversione delle imprese che coinvolga Regione, Stato ed Europa e subito uno stop deciso all’austerità sugli investimenti ambientali. Dobbiamo pianificare l’uscita dalle fonti fossili in un tempo massimo di quindici anni privilegiando le energie rinnovabili. Non c’è più tempo da perdere. Dagli altri candidati alla presidenza della Regione non vedo nessun tipo di attenzione verso questo tema che, invece, è cruciale per il futuro dell’Emilia-Romagna” concludono Simone Benini e i candidati ferraresi. 

Zanichelli e Benini (M5S): «Crac CariFe, noi del Movimento 5 Stelle gli unici con la coscienza pulita»

FERRARA – Simone Benini, candidato del MoVimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Emilia-Romagna e il portavoce alla Camera Davide Zanichelli hanno incontrato questo pomeriggio a Ferrara i risparmiatori coinvolti nel crac Carife. Con loro anche i deputati M5S Alvise Maniero e Raphael Raduzzi, componenti proprio con Zanichelli della Commissione Finanze. “Sulla vicenda del crac Carife solo noi del MoVimento 5 Stelle possiamo dire di avere la coscienza pulita. Grazie al nostro impegno abbiamo portato da 100 milioni a 1,5 miliardi il fondo per i risparmiatori e definito meccanismi più agevoli per i rimborsi diretti per chi ha redditi più bassi e patrimoni immobiliari sotto certi limiti. Traguardi che di certo però non ci accontentano visto che oggi siamo qui proprio per rispondere ai dubbi e alle domande in vista della scadenza di aprile per la presentazione delle domande”.

“Incontri come quello di oggi – ha aggiunto Benini – sono molto importanti perché dimostrano l’impegno costante del MoVimento 5 Stelle nei confronti dei risparmiatori e delle piccole imprese. Lo dimostra anche il successo del fondo nazionale per il microcredito, che ha finanziato anche 631 piccole imprese emiliano-romagnole grazie a oltre 25 milioni di euro di tagli degli stipendi dei portavoce nazionali e regionali del Movimento 5 Stelle. Noi vogliamo quintuplicare, portando da da 2 a 10 milioni di euro, gli stanziamenti per il fondo regionale per il microcredito. E’ uno strumento fondamentale”.

Il 10 gennaio a Forlì, Argenta (FE) e Ferrara

Simone Benini, candidato per il Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Emilia Romagna, sarà venerdì 10 gennaio a Forlì per la presentazione dei candidati della circoscrizione locale, ad Argenta (FE) per parlare del programma e di alcuni tra i tempi importanti del programma e a Ferrara per incontrare gli “azzerati” dela CariFe.

A Forlì:

Ore 11 Conferenza stampa di presentazione dei candidati M5S alle regionali per la circoscrizione di Forlì-Cesena, presente anche Benini. L’appuntamento è in via Bonali 68, presso la sala del M5S forlivese.

Ad Argenta (FE):

Ore 15.30 Benini parteciperà all’incontro pubblico “Vittime e colpevoli. Codice rosso, supporto emotivo, azzardopatia, cohousing. Le battaglie del Movimento 5 Stelle”, insieme ai candidati della circoscrizione locale e portavoce nazionali. Presso Bar Italia, Piazza Garibaldi.

A Ferrara:

Ore 18.30 Incontro, aperto al pubblico e alla stampa, con gli “azzerati” di CariFe, insieme ai parlamentari M5S Raphael Raduzzi, Davide Zanichelli e Alvise Maniero. Si illustreranno anche i risultati ottenuti con i fondi del microcredito. Presso Bar Gallery, via Ercole D’Este. Al termine aperitivo per i presenti.

Regionali. Benini (M5S) da Ferrara: «La sanità resti pubblica: stop privatizzazioni, abbattimento delle liste d’attesa, più posti letto, potenziamento dei Pronto Soccorso»

Un momento della conferenza stampa

Simone Benini, candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Emilia Romagna, ha presentato a Ferrara i dieci punti programmatici regionali sulla sanità, insieme ai candidati M5S della circoscrizione locale. «Non possiamo stare a guardare mentre si svende la sanità ai privati, mentre si accelerano le privatizzazioni e si esternalizzano i servizi. Stiamo correndo un grosso rischio e dobbiamo prenderne coscienza. Occorre mantenere la gestione della sanità emiliano-romagnola saldamente in mano pubblica e potenziare i servizi primari che tutelano e garantiscono i cittadini, a iniziare dal potenziamento dei Pronto Soccorso e dall’abbattimento delle liste d’attesa». «La politica deve avere la capacità di garantire una salute a misura di cittadino e la tutela e il rispetto del lavoro degli operatori».

I candidati locali, Donatella Pasqualini, Gianluca Beccari e Barbara Virgili (Claudio Fochi non era presente per un impegno inderogabile) hanno poi toccato i temi importanti che riguardano l’ospedale di Cona e la situazione del ferrarese. «Il Pronto Soccorso di Cona è al collasso e va implementato il Sant’Anna in centro con un Punto Bianco per le urgenze differibili – hanno spiegato i candidati – va senza dubbio migliorata la viabilità intorno all’ospedale potenziando il trasporto pubblico da e per il nosocomio. Imprescindibile poi un piano di nuove assunzioni per il personale sanitario. E va assolutamente evitato l’ulteriore depotenziamento degli ospedali di Argenta, Cento e della struttura del Delta».

Il senatore M5S Giuseppe Pisani, medico e membro della Commissione Sanità del Senato, si è soffermato sul valore della manovra finanziaria dell’attuale governo che ha stanziato risorse per la sanità e il sociale pari a 7,5 miliardi per il prossimo triennio e il senatore M5S Marco Croatti ha sottolineato la continuità di impegno politico sul territorio che la figura di Benini garantisce. 

I dieci punti programmatici regionali sulla sanità

1. Stop privatizzazione ed esternalizzazione dei servizi sanitari. 

2. Potenziamento dei Pronto Soccorso e piano straordinario di abbattimento reale delle liste di attesa. 

3. Incremento dei posti letto negli ospedali attraverso la riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale, tenendo conto del calcolo dell’immigrazione sanitaria nazionale. 

4. Piano regionale per la tutela del personale infermieristico garantendo sicurezza, adeguate risorse e riposi.

5. Lotta alle dipendenze: tutela e implementazione della legge regionale anti-azzardo che grazie al Movimento 5 Stelle prevede distanze minime di 500 metri dei locali slot-vlt-scommesse da scuole, luoghi di culto, centri giovanili ecc. 

6. Istituzione del piano regionale per le malattie croniche.

7. Piano straordinario rimozione barriere architettoniche e tutela persone disabili con attivazione progetti di vita indipendenti.  Creazione di un fondo regionale per istituire in ogni provincia un “Garante dei Disabili”, esperto che aiuterà le persone con disabilità a esercitare i loro diritti. 

8. Punti nascita: riapertura di quelli chiusi in montagna dal 2014 in poi (Porretta Terme, Pavullo, Castelnovo né Monti, Borgotaro) e salvaguardia di quelli esistenti. Potenziamento della sanità nelle zone montane e svantaggiate, incentivando il personale rendendole più attrattive creando centri di alta specializzazione. 

9. Ospedali amici dell’ambiente (no usa e getta, tetti fotovoltaici, piani riciclo, impianti trattamento a freddo rifiuti sanitari ecc). 

10. Attivazione di nuovi Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS). Potenziamento della collaborazione tra strutture sanitarie e distretti biomedicali. Attivazione di un progetto per la creazione dei “poli di attrazione sanitaria” che abbia ricadute positive per l’economia e la salute dei residenti.

Il 28 dicembre a Ferrara

FERRARA – Sabato 28 dicembre a Ferrara, alle ore 11, Simone Benini, candidato per il Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Emilia Romagna, sarà al punto informativo del M5S in zona Duomo per incontrare cittadini e attivisti.

Alle ore 12, conferenza stampa per la presentazione di Benini e delle dieci priorità che rientrano nelle linee programmatiche sulla sanità regionale, per un’Emilia Romagna sana, efficiente e pubblica. Oltre al candidato presidente, saranno presenti anche i candidati ferraresi alle regionali Donatella Pasqualini, Claudio Fochi, Gianluca Beccari e Barbara Virgili e il senatore Giuseppe Pisani, membro della Commissione Sanità del Senato.